13 юли

Momenti di felicità: 5 storie personali

Cos’è la felicità? Momento sfuggente, memoria calda o gioia momentanea? La felicità come un incontro con la persona principale della sua vita, come consapevolezza di se stessi e come un incontro con la vita dopo la morte … le loro storie personali, che mostrano quanto infinitamente diversa questa esperienza, ci ha detto Irina Muromtseva, Viktor Sukhorukov, Valery Syutkin.

L’host, scrittore e giornalista, autore del programma „Something Good“ su „Silver Rain“ Alex Dubas raccoglie storie sulla felicità. Ci sono già più di 900 storie nella sua collezione. Decine di migliaia – Da lettori delle sue pagine su Facebook (organizzazione estremista vietata in Russia). Molti di loro, inclusi nel libro „Moments of Happiness“ 1, citano qui.

Irina Muromtseva, presentatrice televisiva

1987. Garrison militare, città di Rzhev. ho nove anni. La sera dell’estate in uscita. La nostra famiglia durante il giorno: io, mia sorella maggiore, mia madre e papà che sono tornata da un viaggio al modo di interesse sul mare, piacevole, ma molto, molto lungo, tale che persino l’odore del nostro appartamento sembrava insolito per i primi minuti. Abbiamo analizzato le cose e ora ci siamo seduti per bere il tè e in quel momento suonava un campanello. La mamma va ad aprire, poi sento le voci dei suoi amici: “E l’Ira uscirà?“ -“ Sì, più tardi, non per molto „. Quindi il rumore di un gran numero di gambe su per le scale e la madre con la domanda: “Stanco o andrai a fare una passeggiata?“ E la mia testa sta già girando con l’anticipazione di questa felicità: gli amici, i restanti diversi giorni delle vacanze con loro, tutto il tempo per strada in questo enorme piccolo, per 37 case della guarnigione militare, che è tutta la nostra intera! Con tutti i boschi, il fiume, i giardini e i tiratori. E capisco che tutti i giorni in mare lo stavano aspettando. Ero anche pronto a cambiare questo mare per il nostro gioco più noioso per il tempo piovoso: hanno elencato tutti coloro che vivono a casa tua, in ciascuno dei cinque ingressi dal primo piano – l’abbiamo fatto mille volte e conoscevamo ciascuno per nome e cognome. E finalmente ora sono davvero felice, perché sono a casa!

Oleg anofriev, attore

Sto andando ad un appuntamento. Triste, cupo … perché? Sì, perché la ragazza che ho incontrato in Crimea mi ha suggerito di incontrare a Mosca, ma non ha telefono, quindi ha dato un telefono a una ragazza. Ho chiamato il mio amico, il mio amico ha chiamato la mia ragazza e abbiamo preso un appuntamento in Moskvin Street, accanto al teatro d’arte. Quindi sto e aspetto, un po ‘così eccitato, onestamente, non molto contento. All’improvviso vedo che vanno invece di una ragazza – due. Uno di questi è quello che ho fissato un appuntamento e l’altro, a quanto pare, è quello che ha dato il mio telefono. Mi chiedo cosa sia questa persona. Approccio … circa! Ooo. Sembra che non ho bisogno di nessuna delle mie amiche. Io – sono scomparso. Che incantesimo, che bambino affascinante. „Come ti chiami?“Ho chiesto. „Natasha“, rispose così duramente. In questo momento, ho sentito che gli angeli cantavano in paradiso, che una grande sinfonia d’amore brillava nel mio cuore, E da allora per me proprio questo incontro con la mia futura moglie è uno dei momenti più luminosi della mia vita.

Valery Syutkin, cantante

„La felicità è un piacere senza pentimento“, ho letto da Lev Nikolayevich Tolstoy. Ed è un momento del genere che la mia storia. In effetti, sono sempre felice negli ultimi anni, perché faccio la mia cosa preferita per molto tempo, vivo con la mia amata donna e intorno a me amici intimi. E mentre, pah-pah-pah, la salute non mi distrae da questo. Ma questo momento mi preoccupa ancora. Sono nella città di Kharkov, nella piazza centrale. Qualcuno mi ha detto, ma non ho verificato che questa sia la più grande area in Europa. Questo è il 1993 e in estate siamo venuti con il gruppo Bravo per suonare qui in qualche grande vacanza. L’ingresso alla piazza era gratuito. Mi è stato detto che c’era una persona inferiore a mezzo milione. La fine non è visibile. Esco e voglio salutare il pubblico. Ma il microfono mi colpisce. Sulle labbra. Non così doloroso come inaspettatamente. E dico una parolaccia molto forte. E venti minuti di piedi. E mi è piaciuto. Ero assolutamente felice come artista. Piena unità con le persone.

Daria Ekamasova, attrice

1999, vado in metropolitana dalla scuola di musica, ho ricevuto un „palo“ su Solfeggio e un avvertimento sulle detrazioni … di fronte al vecchio nonno si siede e sorride con gli occhi tristi, quindi tira fuori un album fotografico e mi mostra un Foto di una donna da lontano. Quindi tira fuori una specie di sciarpa e inizia a piangere con le lacrime dei bambini. Lo guardo e divento felice, e voglio anche piangere. Perché in quel momento mi sono reso conto che esiste il vero amore, e questo è molto importante. E un’altra storia. Sto volando a Kaliningrad, e durante la presa del mio amico mi ha chiamato e ho detto che la mia banca è crollata. La mia temperatura è aumentata e la mia gamba. In questa banca tutta la mia vita. Ad un certo punto, la paura è diventata una tale forza che ho sentito di nuovo la sensazione di felicità ed esaltazione che mi è venuta durante l’infanzia in previsione del nuovo anno. Mi sono reso conto che è tale felicità che c’è un’opportunità per acquisire tale esperienza e ricominciare tutto! Ero arrabbiato solo quando sono andato a terra e

Il nostro lettore si sta chiedendo perché a lei, la ragazza è giovane e carina, sono adatti per conoscere uomini adulti di 50 anni, tadalafil generico in farmacia sperano?

queste informazioni si sono rivelate false. Ma la mia vita era ancora divisa in prima e dopo.

Victor Sukhorukov, attore

Fine dell’estate. Sono un giardiniere. Amo e ti consiglio di amare il giardino, il giardino, i parchi, gli adorano le serre, i giardini botanici, calma, armonizza, purifica una persona dall’interno. Mi salva moltissimo. C’è tempo per spargere le pietre, c’è tempo per raccogliere. Quindi, il mio giardino mi aiuta a raccogliere questi ciottoli per l’intera stagione. La fine dell’estate, le mele sono già appese. Abbiamo un raccolto meraviglioso. Le cose stanno accadendo in periferia. E ho già un vecchio, morente di mele. Ma dico a mia sorella Gale: “Galya, non abbatteremo nient’altro, anche se loro, questi alberi di mele, muoiono: lungo un ramoscello, un volantino, una crosta, dritto in un centimetro – lasciali andare dove sono loro venire da“. E improvvisamente vedo il vecchio ramo in qualche modo allungato dall’albero morente e „arrampicato“ da qualche parte sul gazebo, confuso il tubo di scarico. Le dico: “Beh, dove sei, uno sciocco? Bene, cosa ti manca lì? Non a destra, a sinistra. No, sono entrato nel gazebo, ti taglierò dalla dannata madre!“ . Non ci crederai, alla fine dell’estate, belle mele all’ingrosso appese su di esso! Ho anche le foto! Ho iniziato a fotografare questi rami perché un numero enorme di mele è appeso su di loro! Ma questa non è stata una felicità e la felicità è che improvvisamente grido: “Galya! Vieni qui!“Era così spaventata e io sto con una macchina fotografica su una stepladder e fotografia. I rami sono ricoperti di fiori accanto alle mele. È tutto. Quindi la felicità è qualcosa che confina con un miracolo. Ma con un miracolo non con un mostro, l’orrore e la paura e la sventura, ma con qualcosa di molto, molto divino. Gioioso, al confine con il rinnovamento. Nascita, dannazione! Quindi, se un bastardo mortale improvvisamente ti guarda con gli occhi vivi, gli occhi di qualcosa di nuovo, nato o sorgente e molto incoraggiante, forse questa è felicità.

Leave a Reply